top of page

La forza della sensibilità sta in ciò che gli altri non si aspettano


Come PAS facciamo fatica, o sicuramente l’abbiamo fatta in passato, a mostrarci per ciò che siamo.


Ci sembra che quello che piace a noi sia poco interessante, coinvolgente o “di moda”. Allora lo teniamo privato o per una ristretta cerchia di pochi intimi. Non c’è niente di male in questo, è bello rilassarsi a volte insieme ad anime affini. Ma agli occhi dei più possiamo apparire chiusi, riservati, fragili, con poco da dire, o quelli che “dovrebbero essere più…”.


Lo vedo, e mi rivedo, anche nell’ambito della scuola, nei panni del genitore. “Sua figlia va benissimo ma dovrebbe essere più…” mi viene spesso riportato. La ragazzina è già tanto, forse anche troppo. C’è così tanto potenziale in lei che quel “dovrebbe” mi fa molto arrabbiare. Ma è ovvio che lo valuto con gli occhi di chi ha fatto un percorso su di sé, con gli occhi della consapevolezza, della rilettura.


Credo che molte PAS vivano buona parte della loro vita cercando di rispondere ad aspettative che supererebbero di gran lunga se decidessero di non adeguarvisi.

Gli altri rimarrebbero sedotti e stupiti dalla resilienza, dalla tenacia, dalla profondità di pensiero, dalla creatività e dall’ironia che tante anime sensibili tengono gelosamente rinchiuse.


Ma non è mai tardi per fare questo: cominciare a trovare il coraggio di mostrarsi.


Stravolgere l’immagine che crediamo che gli altri abbiano di noi non è immediato, ma è più facile di quanto sembra. Partendo dalle piccole cose, coltivando i nostri interessi creativi e comunicandoli agli altri, facendo ogni giorno una scelta meno “conforme” alle aspettative, dicendo un no in più a qualcosa che non ci risuona, provando qualcosa di nuovo, indossando un abito o un accessorio che ci rappresenta, facendoci ascoltare a modo nostro, anche col silenzio, col sorriso, con la gentilezza. E mostrando ai nostri figli, ai bambini, ai ragazzi che possono fare lo stesso ed essere fieri di quello che sono, senza “dovere”.

Commentaires


bottom of page