top of page

Alta Sensibilità: come far fiorire le tue caratteristiche

Aggiornamento: 20 mag


un fiore su una roccia

Studiando l'alta sensibilità ci si imbatte quasi subito nelle parole "condizioni" e "ambienti".


Ci sono infatti condizioni e ambienti dove le caratteristiche del sensibile fioriscono, altri in cui invece vengono soffocate.


Questo vale prima di tutto per l'ambiente dove siamo cresciuti. Se il nostro ambiente familiare è stato supportivo ed in grado di accogliere e valorizzare le nostre caratteristiche di persone sensibili, è più probabile che saremo adulti sereni e dotati di una buona base di autostima.


Se invece la nostra natura e le nostre inclinazioni non sono state capite o accolte

è probabile che ci siamo abituati a nascondere quelle parti di noi che non abbiamo sentito "accettate" e che le abbiamo vissute come sbagliate, anche fino a sentirci noi stessi interamente sbagliati.


Riguardare a questo vissuto che magari è stato con noi per tanto tempo prevede un lavoro con noi stessi per prendere consapevolezza del fatto che non c'è nulla di sbagliato in noi per poi fare l'ulteriore passo avanti di andare alla ri-scoperta della nostra sensibilità come foriera non solo di sofferenza ma anche di talenti, potenzialità e ricchezza per noi stessi e gli altri.


Se vogliamo che questa piantina cresca, oggi dobbiamo essere noi a crearle le condizioni per farlo.


Innanzitutto dobbiamo darle:


Protezione

Se la nostra parte sensibile è stata per tanto tempo nascosta, non capita, ferita prendiamoci il tempo per conoscerla in un ambiente protetto, non buttiamola subito nell'arena. Se abbiamo scoperto da poco di avere questo tratto e lo stiamo sperimentando in una nuova luce, teniamolo un po' per noi, leggiamo, condividiamolo con persone che lo comprendono e rispecchiano e rafforzano il nostro modo di essere.


Energia

Identifichiamo gli ambienti, le persone e le situazioni che ci danno energia e cerchiamo di frequentarli il più possibile. Questo vuol dire anche selezionare le nostre esperienze partendo da noi e dal nostro sentire piuttosto che essere spinti dal "dover fare". Allo stesso tempo evitiamo il più possibile persone, situazioni e ambienti che ci vampirizzano le energie usando lo stesso metro di valutazione: il nostro sentire.


Spazio

Diamo spazio alla nostra sensibilità per esprimersi secondo i canali che le sono propri, dal fare una passeggiata i solitudine, a dedicarci a una passione, al semplice stare in silenzio, a seguire ciò che ci risuona. Questo ultimo punto è molto importante, perchè spesso il nostro sentire arriva prima del nostro pensare e ci porta verso direzioni che comprenderemo solo in seguito ma, che se abbiamo fiducia, si riveleranno quelle giuste per noi.

 

Se senti il bisogno di supporto in un pezzo del viaggio verso la scoperta delle potenzialità del tuo essere sensibile, il percorso di coaching "La mia versione di Luce" ha un prezzo speciale se prenoti l'incontro conoscitivo (gratuito) entro il 31 gennaio. Per maggiori informazioni, clicca qui.

Commenti


bottom of page